La rincorsa del Fintech e le domande sbagliate

Valentin Stalf, tedesco, 30 anni, è un europeo che disegna le banche di domani. A MoneyConf, a Madrid, ha appena annunciato un round di finanziamento da 40 milioni di dollari per la sua banca solo-mobile Number26 quando tutti gli rivolgono la solita, semplicistica domanda: chi vincerà la battaglia tra startup e banche? Ma è la domanda a essere sbagliata.

Su La Stampa, con Giuseppe Bottero, fotografia sull’evoluzione in corso nel Fintech.

Dopo Brexit: cosa pensa (e fa) Ryanair

Kenny Jacobs è uno dei dirigenti più importanti di Ryanair. Guida la complessa macchina del marketing che riempie gli aerei di Ryanair con un tasso di riempimento (i posti pieni su ogni singolo volo) vicino al 90%.

L’ho chiamato nei giorni dopo Brexit per capire il punto di vista di Ryanair. Il Ceo Michael O’Leary era stato piuttosto chiaro nel sostenere la causa del Remain.

Del resto, una delle frasi più divertenti (e vere) di O’Leary è questa:

Ryanair ha un gran merito per l’integrazione europea. Porta tantissime persone di diverse culture sulle spiagge spagnole, greche e italiane, dove si possono accoppiare e copulare nell’interesse della pace europea

Jacobs mi ha detto che anche in Irlanda – la base di Ryanair è Dublino – “le persone sono deluse, dispiaciute e un po’ preoccupate”.

Il futuro di Ryanair in un’Europa più spezzettata è una questione diversa. Domina l’incertezza, non si immagina un impatto immediato sui conti, ma pensa già a spostare investimenti e aerei nel Sud dell’Europa. Comunque Jacobs è convinto che il Regno Unito riuscirà a restare parte del mercato unico europeo. Vedremo, perché le trattative sembrano lente e difficili.

Nell’intervista su La Stampa c’è anche la visione di Ryanair nel 2024, quando la flotta dovrebbe essere raddoppiata e la compagnia low cost sarà alleata con le vecchie grandi compagnie per portare i passeggeri dai piccoli aeroporti agli hub. Nei prossimi 18 mesi Ryanair annuncerà due accordi. Poi, sono convinti Jacobs e O’Leary, ne seguiranno degli altri, inclusa Alitalia.

La rincorsa fintech e la sfida senza vincitore. A Madrid per MoneyConf

Sono a Madrid per la seconda edizione di MoneyConf, la conferenza fintech del WebSummit. Alla ricerca di semplificazioni, si parla della sfida tra le grandi vecchie banche (presenti in massa) e le agili (e super finanziate) startup finanziarie. Non c’è ancora un vincitore.

Prima ho intervistato sull’Insight Stage il Ceo di Osper, Alick Varma, che porta l’educazione finanziaria a diventare un’abitudine per bambini (e genitori). Potente.

Il momento in cui pensi al viaggio e l’asta tra compagnie e piattaforme

Il momento chiave è quando al cliente viene in mente un viaggio da fare. Il nostro cliente sfilerà il telefono dalla tasca e cercherà un volo: in quei dieci secondi si scatena un’asta al centesimo tra compagnie aeree e piattaforme. Ho intervistato per La Stampa il Ceo di eDreams, Dana Dunne. Abbiamo parlato dei nuovi servizi e della battaglia in atto con Ryanair.