Un giorno bello, e la storia di Good Morning Italia

Good Morning Italia cresce con Banzai. Abbiamo annunciato oggi la partnership, e ho provato a raccontare in qualche migliaia di battute la storia fin qui.

È iniziato tutto con una email. Ero su un treno per Padova, e Mike Allen mi ringraziava per la fedeltà di lettore abbonato al suo Playbook. Negli Stati Uniti era il Giorno del ringraziamento. Allen ringraziava con me tutti i lettori, le idee, gli scambi che Playbook gli aveva portato negli ultimi anni. Chi l’avrebbe mai detto, ringraziare per la sveglia all’alba, quando fuori le strade sono ancora silenziose.

(continua a leggere).

Un’anteprima, la nuova versione di Good Morning Italia

L'anteprima di Good Morning Italia al #ijf14, fotografia di Roberto Baglivo

L’anteprima di Good Morning Italia al #ijf14, fotografia di Roberto Baglivo

Il Festival Internazionale del Giornalismo è il miglior contesto per presentare le novità di Good Morning Italia. Quella di ieri è stata un’anteprima del progetto che sarà, a cui abbiamo lavorato tanto e silenziosamente. Manca poco.
Qua a seguire le mie slide di ieri. Grazie a tutti quelli che c’erano.
 

Il primo compleanno di Good Morning Italia

Oggi festeggiamo il primo compleanno di Good Morning Italia.

Good Morning Italia ha un anno. Il 28 gennaio 2013 la prima edizione è arrivata nelle caselle email dei primi abbonati. Da allora siamo cambiati, siamo cresciuti. I nostri abbonati sono sempre di più e sempre più qualificati. Per festeggiare, ieri è nata Good Morning Italia srl. Facciamo le cose sul serio. I soci sono i giornalisti, presto ti racconteremo i prossimi passi.
Grazie per il tuo supporto. Il mattino ha l’oro in bocca.

L’Anno Incredibile e la maturità dei media globali

Oggi con Good Morning Italia iniziamo un racconto dell’anno che è stato. Duemilatredici (o quattordici) battute per rileggere i temi più rilevanti. Il primo è mio, sui media globali. Buon anno!

L’anno dei media globali è stato ricco di novità. Forse meno incredibile rispetto ad altri settori, perché è stato un po’ l’anno della maturità.
Il 2013 era iniziato con la scelta di Andrew Sullivan: addio al Daily Beast per continuare il suo Dish. A fine anno gli oltre 30mila lettori hanno garantito ricavi per 800mila dollari.
Le tendenze in atto sono continuate online e offline [continua a leggere]

Il progetto per crescere di Good Morning Italia (e due immagini)

Italy_by_nasa

Italy, http://www.flickr.com/photos/nasamarshall/

Good Morning Italia diventerà presto una società. Oggi abbiamo annunciato il nostro progetto per crescere e il nostro manifesto:

Il piano per la crescita di Good Morning Italia è coerente con il modello descritto: fare le cose bene, rispondere al mercato, lasciare da parte la fuffa, sia quando si parla di contenuti che quando si progetta un’impresa.

Ho trovato l’immagine della Nasa che apre questo post su Flickr, tanti mesi fa, e ci ha accompagnato in tante presentazioni. È una fotografia dell’Italia di notte, ma anche dell’Italia che va a dormire, e al mattino si deve svegliare. Un’altra fotografia simbolo per noi l’ha scattata Mauro Orlando: è Roma che si sveglia.

3949222715_3dc1c9777a_b

Roma che si sveglia, http://www.flickr.com/photos/mauro_orlando/3949222715/in/photostream/