Un’intervista con Luciano Floridi: robot, ambiente e le possibilità

Luciano Floridi è considerato tra i migliori pensatori e studiosi di quest’epoca. Avevo letto il suo “The Fourth Revolution: How the infosphere is reshaping human reality” e ancora letto più volte del suo lavoro, spesso sul blog di Luca De Biase. L’ho potuto intervistare per un numero di Origami, il settimanale monografico de La Stampa, dedicato alla rivoluzione dei robot. Eravamo partiti da un’altra mia intervista a Martin Ford, e a pensarci i due pensatori vanno letti uno dopo l’altro.

Origami è un foglio unico (e ampio) ma la carta è per definizione scarsa e dunque l’intervista fatta a Floridi non poteva trovare spazio per intero. L’ho riletta e la pubblico qua. In grassetto le domande e alcuni passaggi chiave.

Luciano Floridi

Dopo la rivoluzione dell’informazione ci avviciniamo a grandi passi nell’epoca dei robot. Come ci dobbiamo preparare?

“La prima cosa è che se invece di guardare a Hollywood guardassimo alla Fiat, sarebbe meglio. Dovremmo guardare alla robotica per come la nostra industria automobilistica l’ha creata veramente. È quella robotica che stiamo vedendo uscire dalle fabbriche e entrare in casa in ufficio, in piazza con il robottino che pulisce a terra, che rimpiazza la segretaria o il segretario.

Continua a leggere