Facebook entra nell’epoca della maturità

Da La Stampa del 27 luglio 2018.

A quattordici anni dalla sua nascita Facebook sembra iniziare la trasformazione verso una società matura, che non crescerà più a ritmi incredibili. I conti del secondo trimestre del 2018 registrano una crescita dei ricavi del 42% a 13,2 miliardi di dollari e 5,1 miliardi di utile (+31%), ma i nuovi iscritti sono in calo e in una conferenza con gli analisti la società guidata da Mark Zuckerberg ha fatto sapere che in futuro la crescita dei ricavi sarà inferiore al 10%. Wall Street ha preso immediatamente nota della previsione e il titolo è arrivato a perdere il 24% (chiusura a -18,96%). Continua a leggere

Il grattacielo più alto di San Francisco e il senso di colpa del tech

Da La Stampa del 9 gennaio 2018.

Quando ieri i primi dipendenti di Salesforce hanno varcato i tornelli della loro nuova torre, che svetta su San Francisco, hanno infranto inconsapevolmente l’ultimo tabù dell’industria tech. Dall’epoca delle start-up nei garage di casa i colossi digitali prendono quota, fino ai 326 metri del grattacielo che ospiterà i lavoratori della società di software per le imprese. Non è la prima volta che un grande del tech si regala un quartier generale costoso, ma finora Apple, Google e Facebook avevano investito sui campus e l’aspirazione all’altezza era ancora affare del potere tradizionale, quello finanziario.

Continua a leggere

Come funziona il newsfeed di Facebook

Sono andato a Menlo Park nel quartier generale di Facebook per intervistare il capo degli ingegneri del newsfeed, la funzione principale e più importante del social network. Sulla Stampa e qua il mio pezzo.

2015-03-31-a6-facebookhq.ebcec

Tom Alison ha appena pubblicato una nuova foto profilo. Sua figlia spunta da dietro e lo abbraccia. La pubblica su Facebook e gli amici commentano, come un miliardo di utenti ogni giorno, come tutti noi. Ma Tom Alison è anche il signore che scrive le regole per cui noi tutti vedremo – o non vedremo mai – quella foto, l’ultimo video di Donald Trump o l’ultim’ora del New York Times. È il capo degli ingegneri del newsfeed di Facebook: guida una squadra di oltre cento persone che programmano gli algoritmi che danno vita, ogni istante, al flusso di informazione che ci appare davanti agli occhi, alla rappresentazione della nostra realtà.

«La speranza e l’obiettivo è che ogni utente possa incontrare il contenuto che davvero gli interessa», dice Alison, che ci parla in una sala profumata di legno del nuovo quartier generale di Facebook a Menlo Park , in California, quaranta minuti di auto a Sud di San Francisco e a quindici minuti da Mountain View, la casa di Google. «Possono essere le storie dei suoi amici o della famiglia, ciò che è rilevante per l’utente – aggiunge -: questo è il punto base di tutte le decisioni e le regole che spiegano il funzionamento del newsfeed. Il nostro prodotto funziona quando le persone sono connesse a ciò che interessa loro su Facebook».

Continua a leggere